The Revolution e.p (2011)

Label :
Format : CD

2011 – Autoproduzione

1. Brawls, Shoplifting & Drugs
2. All Night
3. Surrender

É il nostro primo e.p di 3 canzoni le stesse che potete ritrovare sul nostro album LOOK OUT KID (2015)

/e avevamo anche un 4 componente  Matteo che ha lasciato per problemi di lavoro!

In questo periodo ci si presentava con questa biografia:

Osaka Flu è una Rock ‘n’ Roll band con sfumature punk e cornici beetlesiane
proveniente da Arezzo (Italia) , fondata da Daniele Peruzzi, Michele Casini e Francesco Peruzzi nel 2009.
Il trio lasciandosi alle spalle numerose esperienze nel ambito musicale formano gli Osaka Flu , il cui nome, rubato in una puntata della celebre serie Tv The Simpson , a detta dei componenti del gruppo: ”non ha un grosso significato ma allo stesso tempo ci trasmette un sacco di energia…in fin dei conti non ce ne frega niente dato che sembra così cool”.
La band inizia la sua avventura mettendo insieme un po di tutto, partendo da ritmiche Rockabilly. Swing, Boogie e Rock ‘n’ Roll, ed un basso che ricorda un mix tra Rancid, Grateful dead ed un McCartney molto giovane.
Nelle liriche gli Osaka fanno riferimento a voci del passato(50′-60′) con dei testi che parlano di sarcastiche delusioni amorose…(si fanno riferimenti a terribili regine che ti fanno sanguinare il cuore e a nottate passate all’ insegna del sesso scolando una bottiglia di Jack Daniel’s)……
La band ha già all’ attivo numerosi live in gran parte della toscana e in vari locali Italiani.
The Revolution E.P.
The Osaka Flu nel 2011 fanno uscire un E.P. di tre canzoni intitolato The Revolution (autoprodotto).
Il titolo del album a detta del cantante è “un appello alla generazione zero, una sorta di corrente di pensiero dei teenager dei nostri tempi afflitti da una lobotomia simultanea inflitta da genitori e società”.
L E.P. è veloce e diretto sia nelle liriche che nell’intenzione musicale “Come bere un caffè ristretto nel Regno unito” cita una recensione….Si sentono riferimenti a Elvis Costello in “Brawl shoplifting & drugs” con un testo metaforico che va al limite della realtà, continua All Night , una notte di bravate nella giungla cittadina, una perdita di tempo ma allo stesso tempo come un circolo vizioso difficile da evitare, il tutto condito da un atmosfera beat anni 90. Per finire Surrender ,track che si presenta come un inno che invita alla rinuncia gli inguaribili sognatori, con un bel ritmo shuffle e chitarre in stile Stooges.
Riconoscimenti
La band è stata nominata nel 2012 Best Rock Band in toscana e sempre nel 2012 ha partecipato ad Arezzo Wave nella sezione dello Psyco Stage.
Progetti per il futuro
La Band sta lavorando all’ uscita del nuovo album con il produttore artistico Gianluca Valdarnini.

 

Questa invece è l’unica recensione di Denis Prinzio di Impatto sonoro 

Bisogna riconoscere che in Italia il verbo del garage rock’n’roll si sta diffondendo in maniera abbastanza esponenziale; mi è capitato ultimamente di imbattermi in numerose nuove bands che suonano il suddetto genere: mi vengono in mente Yellow School Bus Factory, Secret Tape, Oracles.

Ora è la volta degli Osaka Flu: vengono da Arezzo, sono in quattro e questo è il loro primo EP autoprodotto. Il suono è quello nervoso e senza fronzoli di seminali bands quali Kinks e affini; l’attacco urticante e spasticoso del brano d’apertura (Brawls, Shoplifting & Drugs) ricorda certe cose degli ultimi Wire, con un approccio punk molto british oriented: davvero un gran bel pezzo.
I restanti due brani rimangono sulla stessa lunghezza d’onda, che è quella di un garage sempre abbastanza tirato, veloce e ben suonato.

Un EP che è sicuramente un buon biglietto da visita: li attendiamo al varco del full lenght, sperando
che qualche etichetta si accorga di loro.

Questo invece è il nostro primo video: